Archivio della categoria: #OspiteDAB

Il Museo etnografico di Buie

Sono davvero felice di ospitare Tanja Suflaj respondabile del Museo etnografico di Buie in Istria (Croazia). Ho avuto il piacere di conoscerla durante un convegno e di scambiare opinioni, esperienze, aneddoti. Specializzata in Archeologia subacquea, ci accomuna la stessa Laurea (la sua conseguita a Trieste) e la passione per la didattica. Dopo aver lavorato a vari scavi archeologici in Istria, dal 2013 Tanja lavora presso l’Università popolare aperta di Buie gestendo il piccolo Museo etnografico, occupandosi di vari campi che vanno dalla didattica museale, all’interpretazione, ai progetti museali. Ci racconta, in maniera semplice e diretta,  il progetto che ha portato bambini e bambine a 90 metri sotto il livello del mare!  
DSC_2344 DSC_2320

Continua a leggere

    Hi-Storia: beni culturali e nuove tecnologie

    Il primo #ospiteDAB del 2017 ci presenta un progetto complesso che conuiga Arte, Storia e Tecnologia! Emanuela Amadio ci racconta come nasce, quali sono i traguardi raggiunti e quali le sfide future di hi- Storia. Interessante la visione proposta frutto dell’unione di competenze in ambito dell’arte e in quelle dell’informatica. Mi ha colpito particolarmente il lavoro che il team hi-Storia svolge nelle scuole, in cui danno a ragazzi e ragazze la possibilità di progettare ogni fase: dai contenuti alle applicazioni. Seguite il sito web, la  pagina Facebook e l’account twitter.
    maker faire rome hi-storia labs giulianova Continua a leggere

      Travel On Art

      Con l’#OspiteDAB di novembre non leggerete un’esperienza di didattica in senso stretto. Travel on Art è un progetto di viaggi e arte, che contamina approcci, saperi, discipline e culture. Un progetto che parla ad artisti, ai viaggiatori, ai lettori, a chi ha voglia di informarsi e conoscere, a chi apprezza la bellezza. Ho incontrato Anna e Anastasia quest’anno al VII Convegno Nazionale Piccoli Musei a Monselice. Sono subito rimata colpita dal loro spirito, dalla freschezza di modi e di visione. Così ho cominciato a seguirle e non mi sono sbagliata. Il loro lavoro mi ricorda di osare nei miei progetti, di soffermare sguardo e mente sui dettagli e di continuare a muovermi. Sposando in pieno il mio approccio ‘interpretativo’ alla didattica. Ovvero l’importanza di portare avanti il proprio punto di vista e di creare sinergie funzionali! 

      anastasiaAdozza annatravelonart

      Continua a leggere