L’enigma dell’ermellino

L’enigma dell’ermellino, Into the painting, C.C. Omell. Streetlib, 2017
img_20180126_103936394 img_20180126_103944892
“Andrea si sporse leggermente e osservò meglio la sagoma. Era un giovane donna. Portava un vestito lungo, all’apparenza rosso scuro, con un’ampia scollatura quadrata: le maniche erano di due colori diversi, adornate da nastrini neri e da due fasce ricamate in oro filato. L’unico gioiello che indossava era una lunga collana di perle nere.”  C.C. Omell

Il #libroDAB di questo mese è una vera sorpresa. Un libro di narrativa per ragazzi, un fantasy che parla d’arte. Anzi di quadri, anzi di avventura, anzi di una bambina e di un ragazzo. Anzi di un mistero. O meglio di tutto questo e altro. È la storia di due cugini trascinati in un Museo dalle rispettive mamme che, smarrito il proprio gruppo con guida, si troveranno a seguire l’eco di un urlo lungo il corridoio e a vivere un’esperienza incredibile. Disubbidendo al ‘Divieto d’accesso’ che recava, varcheranno una porta e con essa i confini della realtà. In un gioco ben costruito di rimandi, citazioni e colpi di scena Andrea e Gaia finiranno dentro un quadro e si troveranno nel bel mezzo di una silenziosa guerra tra personaggi di celeberrimi dipinti, dove sarà difficile capire di chi fidarsi. Una storia coinvolgente che si fa leggere con grande gusto. Elencati e fatti vivere i personaggi attraverso il pennello di artisti diversi in varie epoche, da Arcimboldo a Van Gogh, da Michelangelo a De Chirico, da Dalì a Chagall. E la lista è ancora lunga e variegata. Dopo i ringraziamenti leggete la postfazione di Marcello Pezza: all’autrice arriva una lettere da un artista di tutto rilievo. Un gioco narrativo che ti prende e che sostanzia lo sforzo di creare una storia bella, che cita la bellezza. C.C. Omell è lo pseudonimo di Chiara Comella che abbiamo avuto modo di conoscere qui come #OspiteDAB, che si racconta attraverso il suo progetto di tableaux vivants ‘Quadrissimo me’. Come dire ‘Il buongiorno si vede dal mattino’.
img_20180126_104129683 img_20180126_104049421
Perché leggere L’enigma dell’ermellino?
- Un libro con diversi livelli di lettura che stimola l’approfondimento delle fonti.
- L’assenza di illustrazioni favorisce l’immaginazione attraverso le descrizioni dei dipinti e incoraggia la ricerca dei dipinti citati.
- La postfazione è un’analisi critica al progetto che inquadra intenti, aggiunge notizie, svela l’approccio utilizzato.
- Un modo di avvicinare i bambini, ma soprattutto gli adolescenti ad una parte di produzione artistica lontani dalla noia, appassionandoli e parlando il loro gergo emotivo.
- Una lettura anche per adulti, per trarre spunti su possibili mediazioni didattiche con l’arte di tutti i tempi.