Entrate nel quadro!

copertina_

Entrate nel quadro!- I piccoli enigmi dei capolavori, Alain Korkos, L’ippocampo jounior, 2011
“Alcune opere devono la loro celebrità a certi dettagli singolari ben nascosti nella scena del quadro…Ma qual è quel dettaglio tanto speciale che le ha rese famose? Perché, per esempio La cena in Emmaus di Caravaggio fece tanto scandalo all’epoca? (…) Chi è il fanciullo che brandisce le pistole ne La Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix?(…) E se Broadway Boogie Woogie di Piet Mondrian non fosse poi arte astratta più di tanto? .” A.Korkos
SAMSUNG SAMSUNG
L’autore prende in esame 62 opere d’arte e le osserva sotto la lente d’ingrandimento. Il titolo di ogni capitolo non è altro che una domanda! E’ un libro che potrebbe sembrare parziale, ma presenta un taglio che io condivido: di ogni opera analizza un aspetto in particolare! Ed elenca tutti gli elementi che possono aiutare a spiegare quella caratteristica. Presenta un quadro (indicando data, autore, tecnica, luogo di conservazione- come fosse un catalogo) e al contempo approfondisce un dettaglio di cui riporta l’immagine. È un testo che si legge, sfoglia, maneggia con grande piacere. Per ogni opera, artista o argomento inquadra l’epoca, la tecnica o la società da cui è scaturito il dipinto e prova a ricercare gli condizioni che lo hanno reso così famoso! È una bella riflessione, è un bel gioco, è un bel modo di approcciarsi a dipinti che, proprio perché universali e visti tante volte, spesso evitiamo: perché crediamo di saperne già abbastanza, oppure perché proviamo verso di essi un po’ di timore referenziale.
SAMSUNG SAMSUNG
Perché leggere Entrate nel quadro!:
- Ha un taglio di indagine immediato e chiaro.
- Gli argomenti sono trattati con metodo narrativo, anche gli aspetti più tecnici, il che rende molto fruibile la lettura.
- Il formato grande rende giustizia ai dipinti e i caratteri ragionati dei testi aiutano a rafforzare alcuni concetti.
- Stimola e invita ad approfondimenti successivi attraverso accenni, indicazioni, rimandi.
- Ha un approccio che ben si presta ad essere utilizzato con i bambini tramite giochi didattici.
- Con sintesi e puntualità descrive l’ambientazione dei personaggi dei dipinti ed esalta i significati, più o meno evidenti, che emergono dal dipinto.