(Italiano) Arte e Natura

Che senso ha fare un aggiornamento di Aggiornamento educatrici 0-3, ma approfondimento su 3-6 e
Importante perché diventa funzionale il processo e non il prodotto.

Focus su #consapevolezza in merito a
-elementi naturali
– percorsi/possibilità sensoriali
-esperienza attiva
Come e perché possiamo proporre questa consapevolezza…talvolta proponiamo materiali e attività mai toccati e mai svolte in prima persona.

#Coerenza formale e creativa se utilizziamo elementi naturali evitando supporti plastici o colle sintetiche amplifichiamo il dato sensoriale puro.
Questo può farci chiedere ai bambini e bambine comanda non realistiche per questioni di età, tempi richiesti e abilità possedute.
Come pretesto accenni di land art, analisi del periodo in cui nasce, le istanze che si porta dietro. Alla scoperta del paesaggio attraverso e di quello che ha da raccontarci. Scoprendo che ciascuno può ispiarare una narrazione differente. Lavorando su sensibilità, memoria, suggestioni collettive, ma più spesso personali.
La natura e i suoi elementi
Abbiamo camminato lungo la strada affiancata da alberi e folta vegetazione con il mandato di raccogliere gli elementi naturali che preferivamo.
Ciascun elemento ci ha permesso di riflettere su un concetto molto profondo:

Sassi: equilibrio
Rientrati abbiamo disposto su un foglio bianco gli elementi che ciascuna ha raccolto come fossero il nostro autoritratto.

Le foglie: visone spaziale e cromatismo
Abbiamo poi selezionato solo le foglie e abbiamo cominciato l’osservazione. Abbiamo lavorato sulla forma, sul colore, sul rito, sulle sequenze, sulla simmetria.
Quanti gialli colori esistono? Quanti verdi? Quanti bruni? Le foglie ci hanno aiutato a rispondere. Arcobaleno di foglie, gradazioni, mandala
img_20190622_151926bis img_20190622_151847bis img_20190622_15262bis8
Rami: gesto
img_20190622_162919 img_20190622_162658
Petali: gusto

Sabbia/terre: sovrapposizioni

Parole chiave
consapevolezza
Osservazione
Coerenza
Punti di vista
Aggiornamento
Riflessione su adeguatezza delle nostre proposte
Alternativa su strumenti e metodi proposti

Considerazioni emerse
1) Dichiariamo sempre un tempo insufficiente all’approfondimento delle tematiche nuove. Manca il tempo per esplorare e soffermars, manca il momento di confronto professionale, manca l’autoanalisi dopo i lavori.
2) Spesso a bambin* proproniamo esperienze accelerate. Ovvero chiediamo elaborazioni spinte senza dar loro il tempo giusto e gli strumenti adeguati per un’esplorazione che consente poi di arrivare alla sintesi, per un’esperienza che si realmente autonoma.
3) Conosciamo poco la natura e ignoriamo le possibilità espressive che da essa possono derivare.
4) Siamo focalizzati al raggiungimento del risultato finale che spesso è un prodotto, inteso come oggetto confezionato con rigidi schemi per rimandare una immagine estetica riconoscibile e condivisa. Perdiamo di vista la ricchezza del
5) Cambiare il punto di vista ti connette a sensazioni nuove, utili innanzitutto all’educatore per coltivare la propria fantasia e nutrire la propria creatività. Per uscire dalla logica di proposte ‘copio e incollo’. Un continuo lavoro di ricerca personale e di arricchimento.

(Italiano) #DABinVisita Oltre l’Onda

Ho un dichiarato debole per l’Arte orientale. Una predilezione per le stampe giapponesi, che già riprodotte in cataloghi hanno un grande fascino, ma viste dal vivo sono ipnotiche. Così per Natale mi sono regalata, insieme a tutta la famiglia, l’opportunità di visitare la Mostra Hokusai Hiroshige, Oltre l’Onda e il 24 dicembre siamo andati al Museo Civico Archeologico, in una Bologna, fresca, viva e addobbata a festa. Mi sarebbe piaciuto partecipare agli interessanti laboratori organizzati per la Mostra, purtroppo non ci siamo riusciti perché in giorni che non hanno coinciso con il nostro viaggio. Ma abbiamo vissuto lo stesso un’esperienza appagante. Lavorandoci un po’ su. Questi i passi che ho messo in atto perché un momento culturale si caricasse anche di un aspetto emozionale. Perché quello che abbiamo vissuto entrasse a far part delle conoscenze dei bambini, ma anche del loro tessuto emotivo. Creando un ricordo condiviso, che permane nella nostra storia e nel loro immaginario.
img_20181224_115925 img_20181224_121849

img_20181224_121059-bis img_20181224_121615 img_20181224_120132-bis

img_20181224_120521 img_20181224_121522

img_20181224_122024-bis img_20181224_113711-bis img_20181224_121426

img_20181224_121049 img_20181224_120934